MONTERASTELLO

E' un castello dei sec. XII-XV, attualmente adibito a residenza stagionale del privato proprietario, oggetto di restauri recenti, in pietrame a vista e copertura a coppi. In buono stato di conservazione, e' posto a 632 m slm e nacque in epoca antica come insediamento di sprone.
Insediamento documentato sin dai 1197, in magnifica posizione panoramica sullo sprone meridionale dei crinale " battuto " all'altro estremo dalla torre di Cotogno, legata a Monterastello da uno stretto rapporto di complementarietà difensiva.
L'esistenza di una chiesa intitolata a S. Giorgio (ora scomparsa) nominata nella " curtis " di Verica nel 1016 induce ad ipotizzare un precedente presidio longobardo, trasformato in epoca successiva.
Monterastelio è compreso nell'elenco delle nove fortezze che nel 1387 sono soggette al castello di Semese (feudo Montecuccoli).
Nel 1405 è infeudato dal marchese Niccoiò III d'Este ai Pio, signori di Carpi, ed è in questo periodo che assume le caratteristiche di vero e proprio castello con sviluppo (o sistemazione) della dimora signorile accanto alla torre e della cinta muraria attorno cui si attesta il borgo.
Il nucleo principale che è stato recentemente restaurato dall'attuale proprietario sig. Manfredi, si presenta sostanzialmente integro e ben leggibile nella sua struttura originaria.
Molto interessante anche il resto della borgata, anch'esso in gran parte di origine medioevale. Questo risulta in parte rimaneggiato, per adattamento a moderne esigenze di servizi, e in parte abbandonato. Interessante qui soprattutto una casa a balchio, della fine del trecento, che conserva particolari di interesse storico ed architettonico come un notevole portale a mensole convesse, ristrutturata una ventina di anni fa dopo un lungo periodo di abbandono
Poco distante dal borgo di Monterastello, sulle falde occidentali, Cà Segalaia o Segulara è un'importante e significativa casa rinascimentale (sec. XVI -1542) sull'antico percorso che risaliva il monte da Brocco e Montefolignano. Questa collocazione in costa aveva una funzione di presidio dell'accesso al castello da questo versante; funzione attestata da una feritoia destinata a " battere o la strada che girava attorno allo spigolo della casa..
Di estremo interesse è l'architrave del portale con uno stemma praticamente identico a quello rilevato a Ca di Rogiano, presso Montecuccolo e, come questo, utilizzato in modo del tutto anomalo. Anche questo insediamento e' un tipo insediamento di costa, a m.608 slm. Attualmente e' adibito a residenza rurale, in muratura di pietrame stuccato e copertura a coppi..


dettagli
ubicazione